Loading the content... Loading depends on your connection speed!

Abruzzo

Alla fine del 2016, in Abruzzo sono attive circa 127 mila imprese, il 7,5% delle imprese attive nel Mezzogiorno. Esse sono in lieve calo rispetto al 2015 (-0,3%); in particolare, mentre si è ridotto il numero delle imprese individuali (-1,5%, a 84.218 unità) e delle società di persone (-2,7%, a 16.939 unità), sono aumentate le società di capitali (+5,5%, a 23.225). Una tendenza analoga si registra nel Mezzogiorno e in Italia. Il settore che ha osservato il calo maggiore delle imprese attive è stato quello delle costruzioni (-1,9%), seguito dell’agricoltura (-1,4%) e dal manifatturiero (-1%).

La forza lavoro in Abruzzo, a fine 2016, è stata mediamente costituita da 552 mila persone (il 7,3% del totale meridionale), dato in aumento dello 0,7% rispetto al 2015. È aumentato il numero degli occupati (+1,3%, a 485mila persone) ed è calato quello dei disoccupati (-2,9%, a 67mila unità). Il tasso di occupazione (ossia l’incidenza del numero di occupati sulla popolazione in età lavorativa) è pari al 55,7%, valore superiore a quello registrato nel Mezzogiorno (43,4%), mentre il tasso di disoccupazione si è ridotto al 12,1%, valore di gran lunga inferiore al dato meridionale (19,6%). È diminuito anche il tasso di disoccupazione femminile, attestandosi al 15,2% (22,1% il dato per il Mezzogiorno). Il tasso di disoccupazione giovanile, invece, si è portato al 38,8% (era 48,1% nel 2015), valore inferiore a quello registrato nel Mezzogiorno (51,7%).

Per quanto riguarda, infine, il commercio con l’estero, nel 2016 l’Abruzzo ha registrato un interscambio commerciale (import + export) con l’estero pari a 12 miliardi di euro, in aumento del 6,4% rispetto al 2015; le importazioni sono state pari a quasi 3,9 miliardi (+1,4%) e le esportazioni a 8,2 miliardi (+9,7%).

Consulta il bollettino

Torna alla cartina

Mobile version: Enabled