Loading the content... Loading depends on your connection speed!





Opzioni di ricerca

Barometro Economia | La dinamica demografica d’impresa. Il Sud guida la ripresa

Nel “Barometro dell’Economia” di novembre 2016 SRM si concentra sul ruolo del Mezzogiorno nella ricostruzione post-crisi del sistema imprenditoriale italiano che si conferma importante. Nel III trimestre 2016 rappresenta infatti l’area geografica con le migliori performance in termini di tassi di crescita:  0,37% rispetto al valore medio nazionale dello 0,27%. In particolare si sono registrate 24.472 nuove iscrizioni (-5,7% rispetto al III trim 2015) e 17.045 cessazioni (-3,1%) con un saldo in tale trimestre pari a 7.427 imprese.

La dinamica della nati-mortalità ha fatto si che lo stock delle imprese esistenti a fine settembre nel Mezzogiorno si attestasse su 2.010.429 unità pari al 33,1% dell’Italia con una crescita delle imprese attive di mezzo punto percentuale rispetto al III 2015 (0,1% in Italia).

A livello regionale la Campania è la seconda regione d’Italia e la prima del Mezzogiorno per saldo delle imprese: 2.208 (lo stock di imprese sale a 576.846), +0,38% rispetto al III trimestre del 2015, grazie soprattutto alla provincia di Napoli, terza in Italia nel trimestre ( 1.229).

Rispetto al profilo organizzativo, continua e si intensifica la crescita delle società di capitale attive nel Mezzogiorno, tendenza sistematicamente presente già da diversi anni che ha determinato, un aumento del peso percentuale delle società di capitale sul totale, passato dall’11,3% del 2008 (inizio crisi) al 16,1% nel terzo trimestre del 2015, ed al 16,9% nel 2016  avvicinandosi così di più al dato medio nazionale (20,9%).

Nello specifico, nel primi nove mesi del 2016 la variazione delle società di capitale attive del Mezzogiorno è stata del +5,8% (era +5,4% nell’analogo periodo del 2015), seguendo dei ritmi più intensi anche rispetto all’Italia (3,7%).

Anche in Campania le imprese vanno rafforzandosi in termini strutturali; nel complesso, le società di capitali a settembre crescono del 6,3% rispetto al periodo gennaio-settembre del 2015,  con un numero delle iscrizioni (2.262) che compensa di gran lunga quello delle cessazioni (706), attestandosi  sulle  100.685 unità pari al 9,3% dell’Italia ed al 35,2% del Mezzogiorno.

L’orientamento strutturale del sistema imprenditoriale è evidente soprattutto nel comparto manifatturiero dove in Campania le società di capitale rappresentano il 33,2% delle imprese manifatturiere, valore in crescita (era 32,2% nel III trim 2015) lievemente superiore anche al dato nazionale (32,2%).

Infine segnali positivi anche sul fronte dei fallimenti: tra luglio e settembre 2.704 imprese italiane hanno aperto una procedura fallimentare, il 4,4% in meno rispetto allo stesso periodo del 2015, grazie essenzialmente al calo registrato nelle costruzioni. Da inizio anno sono invece 10.047 le imprese fallite, con una media di 52 chiusure al giorno.

Nel contesto italiano il peso dei fallimenti delle imprese meridionali è stato pari al 26,8% del totale. Sotto questo aspetto, il Mezzogiorno si contraddistingue rispetto al dato nazionale per una, seppure lieve, crescita del numero delle procedure fallimentari rispetto all’analogo periodo del 2015 (+0,5%).

Tuttavia, a livello regionale, diverse sono le realtà meridionali che presentano una variazione negativa del numero dei default come la Campania,  la Puglia, la Sardegna, la Calabria, l’Abruzzo ed il Molise. In Campania, il calo su base annua è stato del -6,7%, arrivando a  854 fallimenti, anche sotto questo aspetto la regione evidenzia quindi una ripresa in atto del processo di rivitalizzazione del sistema imprenditoriale.

Continuano ad intravedersi dunque segnali positivi seppur da interpretare con le dovute cautele. Occorre proseguire con la strada intrapresa; stimolare l’innovazione e l’internazionalizzazione insieme ad una politica d sviluppo delle infrastrutture, in particolare quelle logistiche e marittime, può rappresentare quel giusto mix per immettere il treno Italia nei giusti binari della crescita.

 

 

Il Barometro dell’Economia è la rubrica mensile de “Il Mattino” realizzata da SRM in collaborazione con il Banco di Napoli.

Condividi
Mobile version: Enabled