Loading the content... Loading depends on your connection speed!

Internazionalizzazione Lazio

La regione Lazio, con un indicatore di Apertura internazionale pari a 105,51, si posiziona al 6° posto nella classifica regionale del sistema Italia. Dei diversi aspetti indagati, prevale un’internazionalizzazione di tipo “sociale” il cui indice è pari a 123,86.

Tale regione sta seguendo, nel periodo 2006/2012, un percorso di crescita positivo, sebbene in calo nell’ultimo anno. Difatti il valore dell’indice dinamico di apertura internazionale generale si è mantenuto costantemente superiore alle altre aree geografiche di riferimento per poi ricongiungersi nell’ultimo anno.

Analizzando i singoli indicatori si rilevano le seguenti caratteristiche:

  • L’indice economico di apertura internazionale del Lazio misura 97,12 e tra le variabili sottostanti, va menzionata la buona propensione alla creazione di lavoro, il cui valore supera quello del Centro e dell’Italia. In riferimento alla dinamica, si segnala la considerevole crescita dell’indice dinamico  IIE dal 2008  in poi, superando costantemente i dati del Centro e dell’Italia;

 

  • L’indice sociale di apertura internazionale, misura 117,48, un valore elevato se confrontato a quello degli altri indicatori della regione. Analizzando le relative variabili, si evince il rilevante peso dei turisti stranieri, legato all’importanza culturale della regione ed in particolare della città di Roma, ma anche il considerevole peso della formazione degli studenti stranieri. L’indice dinamico IIS, a differenza degli altri indicatori della regione, è l’unico a rilevare una continua crescita nel periodo 2006-2011, per poi calare nel 2012;

 

  • L’indice infrastrutturale di apertura internazionale misura 100,14 e si caratterizza per una rilevante movimentazione dei passeggeri internazionali (dovuto essenzialmente alla presenza della capitale), la quale è molto vicina a quella del Centro. Dall’analisi del trend si evince un andamento un po’ altalenante dell’indice, con una crescita nell’ultimo anno, il tutto in linea con il dato dell’Italia, anche se al di sotto del Centro.

 

 

Mobile version: Enabled