Loading the content... Loading depends on your connection speed!

Internazionalizzazione Sicilia

La regione Sicilia, con un indicatore di Apertura internazionale pari a 48,85, si posiziona al 18° posto nella classifica regionale del sistema Italia. Dei diversi aspetti indagati, prevale un’internazionalizzazione di tipo “infrastrutturale” il cui indice è pari a 55,43 per il quale la Sicilia si posiziona al 16° posto nazionale.Tale regione ha seguito, nel periodo 2006/2012, un percorso di crescita rilevante nel corso degli anni il cui indice dinamico si è mantenuto su livelli superiori a quelli del Mezzogiorno e dell’Italia, raggiungendo un primo picco nel 2007 ed un altro nel 2012.

Analizzando i singoli indicatori si rilevano le seguenti caratteristiche:

  • L’indice economico di apertura internazionale presenta un valore leggermente inferiore a quello degli altri indici della regione ed a quello del Mezzogiorno per una limitata propensione al commercio internazionale di merci. In riferimento al trend, l’indice dinamico IIE presenta un andamento crescente, tranne nel 2009, quando si è registrato, invece, un rallentamento. Rispetto all’andamento nazionale e meridionale, l’indice dinamico conserva valori superiori;

 

  • L’indice sociale di apertura internazionale, si posiziona meglio in graduatoria (in 16° posizione) nella classifica nazionale, rispetto agli altri indicatori della regione. Dall’analisi delle variabili sottostanti, si evince, per la Sicilia, una rilevante incidenza del turismo internazionale, superiore a quella del Mezzogiorno ma uno scarso peso dei lavoratori, e studenti stranieri (inferiori al dato meridionale). L’indice dinamico segue un trend positivo di crescita (10.000 nel 2006 e 14.714 nel 2012) anche se nel 2012 ha evidenziato una dinamica inferiore alla media meridionale;

 

  • L’indice infrastrutturale di apertura internazionale è pari a 55,43, ed è inferiore a quello meridionale a causa della scarsa movimentazione di merci e passeggeri stranieri. Dall’analisi del trend si evince una generale, seppur lieve, crescita dell’indice dinamico IIF che è passato da 10.000 nel 2006 a 10.535 nel 2012 posizionandosi su livelli superiori rispetto al Mezzogiorno.

 

Mobile version: Enabled