Loading the content... Loading depends on your connection speed!

Opzioni di ricerca

Cerca

Showing 31–40 of 47 results

Energia e Territorio

Il Mezzogiorno e le nuove sfide: infrastrutture e imprese,
le politiche di sviluppo, le fonti rinnovabili, il ruolo delle regioni

Giannini Editore, 2010

Questo studio è dedicato al comparto energetico con un’analisi dello scenario economico, normativo ed infrastrutturale (a livello internazionale, nazionale e meridionale), all’analisi dei fabbisogni, ed al ruolo che il Sud può avere in termini energetici facendo leva sulle specificità regionali e sui protagonisti del territorio in termini imprenditoriali ed infrastrutturali. Inoltre lo studio entra poi nel dettaglio territoriale, con riferimento alle regioni del Mezzogiorno, viste anche in un confronto con altre realtà territoriali. Il lavoro evidenzia le grandi potenzialità del Mezzogiorno che dispone di risorse ambientali (quali sole e vento) in grado di poter offrire un’opportunità per la crescita economica futura di quest’area. Una specifica parte della ricerca è dedicata alle politiche di sviluppo pubbliche, con un’analisi della spesa e dei programmi di investimento pubblici e privati. La ricerca si è avvalsa di un Advisory Board composto da rappresentanti istituzionali, imprenditoriali, del mondo associativo, scientifico e finanziario.

Free!
Condividi
Immigrazione e integrazione nel Mediterraneo

Il ruolo delle strutture pubbliche e del mondo non profit.

Giannini Editore, 2009

Se governati e gestiti in maniera efficace e coordinata, i flussi migratori possono costituire un importante asset per le economie dei territori. Il fenomeno interessa l’intera penisola italiana, seppur in modo ineguale, in relazione al diverso grado di ricchezza, alle opportunità di lavoro e alle caratteristiche regionali. Innestandosi su una realtà economicamente più debole e socialmente più disagiata, come quella meridionale, le problematicità ordinariamente connesse al governo dell’immigrazione rischiano di compromettere la coesione sociale. In tal senso, la partecipazione della società civile attraverso le organizzazioni non profit aiuta ad impedire che la cultura del diverso si diffonda, trasformandosi in vere e proprie “barriere all’ingresso” per gli stranieri. Occorre dare maggiore importanza ai processi di integrazione, che, nel rispetto della dignità fisica e morale degli immigrati, costituiscono lo strumento necessario per creare valore nel tessuto socio-economico del territorio. Partendo da tali premesse, l’Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno analizza la realtà dell’immigrazione attraverso una prospettiva multidisciplinare, avvalendosi anche di un’indagine empirica incentrata sul ruolo del terzo settore, con interviste dirette a un campione di organizzazioni non profit campane. L’obiettivo finale della ricerca è comprendere quale contributo gli stranieri possono apportare alla dinamica socio-economica meridionale e nazionale e quale ruolo la politica e il mondo non profit svolgono e possono svolgere in tale ambito.

Free!
Il sistema degli incentivi alle imprese del Mezzogiorno

Giannini Editore, 2009

Ricerca realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo
e con il patrocinio del CNEL

Il lavoro si focalizza sull’evoluzione del sistema degli incentivi italiano, in particolare rivolto al Mezzogiorno, basato principalmente su quattro grandi pilastri: la Legge 488, il credito di imposta, i fondi strutturali e i contratti di programma. Tali strumenti di incentivazione sono stati analizzati raccogliendo dati e statistiche sui risultati che hanno conseguito in termini di occupazione e investimenti, arricchiti ulteriormente da riflessioni sulle criticità e sui punti di forza degli strumenti stessi. La ricerca si avvale anche di un’indagine territoriale sulle imprese di diverse regioni meridionali che hanno espresso la loro visione sull’utilità degli incentivi e sulle possibili modalità di evoluzione. Lo studio volutamente non elabora un modello interpretativo, ma, ai fini di poter migliorare per il futuro il livello dell’intervento, ricostruisce fatti che indicano una carenza di governance del sistema degli incentivi.

Free!
Turismo & Mezzogiorno

Caratteri strutturali, potenzialità e dinamiche competitive
dei Contesti Turistici meridionali

Giannini Editore, 2009

Di fronte alla globalizzazione del turismo si registrano nel Mezzogiorno due fenomeni contrapposti. Se da un lato si diffonde e si consolida a tutti i livelli politici ed economici la consapevolezza del suo ruolo strategico per lo sviluppo territoriale, grazie ai suoi effetti in termini di ricchezza e occupazione, dall’altro canto, si assiste ad una perdita di posizione di tale settore nello scenario competitivo italiano.
Il Mezzogiorno, fatica a decollare ed a proporsi come valido riferimento territoriale per il turismo in Italia.
Nell’analisi della complessità del rapporto tra il turismo e il territorio, l’approccio utilizzato nella ricerca considera l’industria turistica come un motore di crescita economica, di rigenerazione ambientale, urbana e sociale, quindi una vera risorsa legata in maniera inscindibile alle sorti del Mezzogiorno nel suo complesso .
Lo studio, unendo all’analisi dei dati di fonte comunale un ampio lavoro di interviste sul campo, è pervenuto a definire, in concreto, quattro elementi chiave che influenzano e condizionano il sistema turistico italiano: il territorio, il tessuto imprenditoriale,la finanza e le istituzioni.
Ma non solo. L’analisi incrociata di queste variabili, svolta per ogni località turistica, ha permesso anche di definire le peculiarità dei singoli contesti turistici meridionali, con specifiche mappature tematiche e territoriali per la Campania e la Puglia.
Il Turismo, per diventare realmente una leva di sviluppo territoriale, ha bisogno che si adottino delle policy funzionali alla generazione di percorsi di sviluppo locale che tengano conto dei caratteri strutturali e delle potenzialità turistiche dei diversi contesti locali, degli squilibri nelle forze in gioco e che favoriscano lo sviluppo ordinato delle realtà competitive del mercato.

Free!
Confidi imprese e territorio: un rapporto in evoluzione. Le prospettive per il Mezzogiorno.

Giannini Editore, 2009

Nati su principi di mutualità e solidarietà, come espressione delle Associazioni industriali, commerciali e dell’artigianato, i Consorzi garanzia collettiva fidi (Confidi) stanno attraversando una profonda fase evolutiva a seguito della trasformazione normativa (Basilea II – Legge 326 del 2003) e regolamentare. L’Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno ha sviluppato una ricerca sia per verificare l’impatto dei cambiamenti sulla strutturale dei Confidi – che si presentano in particolare nel Mezzogiorno, troppo frazionati e dimensionalmente piccoli – sia per valutare le strategie messe in atto per adeguarsi alla nuova normativa e allo sviluppo di nuovi servizi a favore delle imprese associate. L’analisi, che si avvale di un Advisory board rappresentativo di tutte le parti coinvolte nel sistema, ha analizzato il contesto normativo, le caratteristiche della filiera territorio-imprese-confidi-banche-istituzioni, il grado di rischiosità delle imprese meridionali. Una novità di sicuro interesse per comprendere le reali caratteristiche strutturali, dimensionali e reddituali dei Confidi è stata l’analisi dei bilanci sviluppata su 400 degli 800 circa Confidi presenti in Italia. Sono stati, inoltre, approfonditi due casi regionali, Campania e Sicilia che si dimostrano particolarmente rappresentative del sistema dei confidi meridionali. A questo, si è affiancato un benchmark con due regioni, Toscana e Lombardia, considerate tra le best practies nel settore. Un elemento di interesse, emerso dalla ricerca, è legato all’adozione del Confidi quale strumento potenzialmente efficace per gestire al meglio le risorse pubblico-private destinate a mitigare gli effetti della crisi economico-finanziaria in atto.

Free!
Porti e territorio

Scenari economici, analisi del traffico e competitività
delle infrastrutture portuali del Mezzogiorno.

Giannini Editore, 2009

La ricerca analizza in modo coordinato e sistemico tutti gli aspetti del settore portuale: economico, infrastrutturale, imprenditoriale, programmatico e finanziario. Nello specifico lo studio esamina il ruolo dei porti italiani, e in particolare meridionali, nel commercio internazionale e nell’economia a livello globale.
Se le infrastrutture portuali del Sud già rivestono un ruolo di primo piano, esse possono offrire un ulteriore e determinante contributo alla crescita del Paese e del Mezzogiorno. L’indagine, pertanto, evidenzia le condizioni affinché i porti meridionali possono rappresentare la porta d’accesso alla catena logistica integrata e quindi una risorsa per l’Italia intera. A causa di ostacoli di natura amministrativa, procedurale e burocratica queste infrastrutture non riescono a raggiungere quell’efficienza divenuta, nei nuovi scenari che si delineano per effetto della crisi, un importante driver di sviluppo. I porti del Mezzogiorno, infatti, devono crescere sì sotto il profilo infrastrutturale, ma anche sul piano dell’operatività.
SRM, che sempre più costituisce un punto di riferimento per gli studi sul settore dei trasporti e della logistica, ha condotto la ricerca coniugando le risultanze dell’analisi empirica con dati, valutazioni, analisi, proposte evinte dalle indagini condotte sul territorio e integrate con le testimonianze dei protagonisti del settore.
I porti sono il magnete dello sviluppo delle nazioni e “devono” esserlo ancora di più per il Sud d’Italia.

Risorse idriche e sviluppo economico

Scenari economico-territoriali, analisi delle infrastrutture,
finanza e investimenti nel Mezzogiorno.

Giannini Editore, 2009

Il tema “acqua” assume, soprattutto nel Mezzogiorno, una rinnovata centralità nel dibattito politico nazionale, e questo per motivi di carattere economico-finanziario, ambientale e sociale. L’incompleto riordino dei servizi idrici, l’aumento delle tariffe e la scarsa percezione di effettivi miglioramenti nella fornitura, ma soprattutto la stringente necessità di nuovi investimenti hanno finora sempre contribuito ad alimentare l’attuale ed accesa discussione sull’efficienza del settore idrico. La qualità della risorsa e del servizio offerto come pure il rafforzamento della dotazione infrastrutturale sono tra gli elementi caratterizzanti l’attrattività di un Paese, e per tale motivo costituiscono variabili strategiche su cui agire.
La ricerca mette in evidenza i fronti sui quali occorre lavorare ed anche i punti di forza e gli aspetti strategici e di sistema su cui puntare in maniera incisiva affinché il settore concorra sempre più al benessere economico, ambientale e sociale del nostro Paese. La ricerca analizza gli scenari economici, gli investimenti, la finanza e cinque casi territoriali di studio. Largo spazio è stato dato ai protagonisti del comparto ed alle loro strategie con un’indagine su campo svolta nei confronti di Istituzioni, ATO, Gestori e Associazioni di Categoria.

Free!
Competitività e sviluppo internazionale del sistema economico meridionale

Il ruolo dei servizi alla produzione in Campania

Giannini Editore, 2009

Ricerca realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo

Lo studio evidenzia lo stretto legame tra la specializzazione regionale nei servizi e l’incremento della competitvità e dello sviluppo internazionale delle imprese. L’indagine, che con un’attenzione particolare si rivolge alla Campania, esamina le testimonianze di tre settori dell’offerta business services tipica della regione: il comparto dell’aerospazio, il settore della logistica e quello della comunicazione.

Free!
Il ruolo del nonprofit in sanità. Il caso della Campania.

Giannini Editore, 2008

Questo studio cade nell’anno in cui il Sistema sanitario nazionale compie 30 anni di attività. Durante questo periodo, la sanità pubblica ha vissuto importanti trasformazioni volte a modernizzare il sistema come, ad esempio, l’applicazione del principio di sussidiarietà orizzontale. Tale logica ha consentito lo sviluppo di una “tripolarità” nell’erogazione dei servizi socio-sanitari basata sul pubblico, sul privato for profit e sul privato non profit. Il terzo settore ha manifestato una costante crescita sia quantitativa che qualitativa, contribuendo anch’esso alla modernizzazione dei servizi socio-assistenziali; attraverso le sue diverse “forme giuridiche” afferma sempre più il nuovo protagonismo delle organizzazioni intermedie, e prende ad occuparsi attivamente dei problemi delle comunità locali e di bisogni di segmenti di popolazione. Il non profit, con le sue strutture riesce a coniugare, in maniera efficace, l’aspetto sociale con quello sanitario, e, oltre ad esprimere forti valori etici e morali, comporta riflessi significativi sull’economia del Paese, anche in termini occupazionali. Le relazioni potenzialmente virtuose tra l’assistenza sanitaria ed il non profit, in realtà, risultano anche molto complesse e problematiche. La ricerca dell’Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, anche con un focus sulla Regione Campania, approfondisce gli aspetti normativi e finanziari e le relative criticità tra organizzazioni non profit, che operano nel settore socio-sanitario, ed il Servizio sanitario nazionale, in un’ottica spazio-temporale, al fine di individuarne i possibili driver di sviluppo.

Free!
Aeroporti e territorio.

Scenari economici, analisi del traffico e
competitività delle infrastrutture aeroportuali del Mezzogiorno.

Giannini Editore, 2008

La ricerca analizza punti di forza e debolezza del sistema degli aeroporti meridionali; comparto di interesse strategico per la creazione di un’efficiente ed efficace rete di trasporto di merci e passeggeri nel nostro Paese. Il Mezzogiorno è dotato di infrastrutture che possono rappresentare dei punti di grande importanza in un’ottica di interscambio sia a livello nazionale che internazionale. La ricerca evidenzia, inoltre, i nodi normativi e programmatici che ancora sussistono e che non favoriscono ancora un pieno decollo del sistema aeroportuale nazionale e del Mezzogiorno; e mette poi in risalto quelle che sono e saranno le risorse finanziarie a disposizione nei prossimi anni per lo sviluppo del sistema. SRM, come sempre, si prefigge di andare oltre l’analisi e di puntare alle soluzioni: grazie al contributo dei principali attori del sistema, l’Associazione propone indirizzi e strategie rivolti a favorire lo sviluppo del settore e con esso, la competitività del sistema Paese.

Free!

SHAREHOLDERS

Mobile version: Enabled