Loading the content... Loading depends on your connection speed!





Opzioni di ricerca

Gli aeroporti, barometro dell’economia, sono asset strategici del Paese | Leggi l’articolo

Nell’articolo di febbraio della rubrica mensile “Il Barometro dell’Economia”  pubblicata su “Il Mattino”, SRM concentra l’attenzione sui recentissimi dati del trasporto aereo che illustrano i dati relativi all’intero 2018. I dati hanno confermato il trend positivo del traffico. In Italia, nel periodo in questione, hanno volato oltre 185,6 milioni di passeggeri con un’importante componente internazionale che ha segnato più di 121 milioni, pari al 65,2% del totale. Il trend complessivo ha mostrato una crescita sull’anno precedente del 5,9%, mentre il traffico internazionale è cresciuto del 7,2%, dato che cala lievemente se consideriamo i soli passeggeri UE: +5,6% (oltre 93 milioni di unità).

Gli aeroporti, barometro dell’economia, sono asset strategici del Paese e si confermano infrastrutture che garantiscono efficacia ai processi di internazionalizzazione delle imprese, favorendo con i loro collegamenti le relazioni di affari e, stimolando l’accessibilità ai siti più belli ed importanti d’Italia; essi generano quindi un impatto diretto sia sul segmento business che sul turismo.

L’Aeroporto di Napoli, in questo scenario, ha realizzato nel 2018 cifre record, totalizzando 9,932 milioni di passeggeri con un risultato molto interessante in termini di crescita con un +15,8% sul 2017. Analogo aumento si registra per il traffico internazionale (+15,6%) che si è attestato su oltre 6,4 milioni di persone (con un peso del 65% sullo scalo).

Gli aeroporti del Mezzogiorno incidono sul traffico complessivo del Paese per il 25,5% e spostano quasi 47,3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Napoli è di gran lunga il primo del Mezzogiorno in termini di passeggeri internazionali e il secondo, di pochissimo dopo Catania, per passeggeri complessivi, ma ciò che riteniamo possa essere un segnale positivo per il Sud è la crescita del segmento internazionale di tutto il sistema aeroportuale; alcuni esempi di scali con incrementi importanti nel 2018: Bari +7,4%, Cagliari +5,1%, Catania +8,9%, Olbia + 6,7%, Palermo +14,8%.

Più in generale, come accennato, la crescita del traffico, ha interessato scali italiani di tutte le aree del Paese; ciò è dovuto prima di tutto ad un anno positivo dal punto di vista turistico unito ad maggior tasso di riempimento dei voli e ad una maggiore offerta di rotte internazionali. Quest’ultimo fattore ha interessato Napoli che ha concretizzato accordi con compagnie aeree low cost importanti servendo e rafforzando rotte strategiche. Sempre lo scalo di Capodichino, inoltre, da quest’anno avrà nuovi collegamenti con New York e Dubai – confermando il Middle East area strategica per il Mezzogiorno – portando i collegamenti internazionali a 91 rotte.

Appare comunque interessante in chiave nazionale citare un dato che riguarda lo scalo di Roma Fiumicino che dichiara una crescita del traffico verso la Cina del +15,2%, confermandosi quale area geografica di grande sviluppo; questo può essere un indicatore dell’aumento delle relazioni internazionali che il nostro Paese sta avendo con il Dragone che sta investendo decisamente in infrastrutture e imprese italiane.

Secondo una stima dell’International Air Transport Association i passeggeri globali nel 2019  dovrebbero aumentare del 5,8% a 4,6 miliardi, dai 4,3 miliardi di quest’anno confermando quindi un cauto ottimismo. Secondo le autorevoli stime della Boeing, inoltre, al 2050 vi sarebbero previsioni di crescita che porteranno velivoli e passeggeri ad avere incrementi medi annui rispettivamente del 4,1 e del 4,7%. Flussi importanti che il settore aeroportuale e tutto il sistema-Paese dovranno saper accogliere e gestire, data la grande importanza di queste infrastrutture per la nostra economia che viene stimata con un impatto economico diretto e indotto che vale 70 miliardi di euro, valore davvero interessante.

Questi dati, e particolarmente il caso di Napoli, evidenziano come un’adeguata strategia diretta ad aumentare la competitività delle nostre infrastrutture conduca a buoni risultati e debba, quindi, essere uno degli aspetti su cui impostare le policy del nostro sistema Paese in materia di turismo e di internazionalizzazione delle imprese.

 

Il Barometro dell’Economia è la rubrica mensile de “Il Mattino” realizzata da SRM.

 

ARCHIVIO:

 

Condividi
Mobile version: Enabled