11
Ago
2023
Comunicati Stampa

SRM presenta il nuovo numero del Panorama economico di mezz’estate

Per il 2023 si evidenzia un Sud che cresce poco al di sotto della media nazionale. Emergono nelle difficoltà, segnali positivi su investimenti innovativi, occupazione e tasso di imprenditorialità. È il momento di “spingere” sull’efficiente utilizzo di tutti gli strumenti disponibili.

Napoli, 11 agosto 2023 – Nell’attuale contesto socioeconomico meridionale caratterizzato da prezzi e costi in crescita, si evidenziano importanti fattori di resilienza che conducono a stime di crescita del Pil solo di poco inferiori al consensus nazionale (1,1% rispetto all’1,2%). In particolare, il turismo è a pieno titolo tra i settori più rilevanti per il rilancio dei territori. Significativo anche il ruolo dell’export che testimonia la capacità industriale e l’appetibilità del Made in Italy, prodotto nel Mezzogiorno, sui mercati internazionali. Grazie alle sue forze endogene, il Mezzogiorno può e deve puntare a una nuova configurazione degli equilibri nazionali.

È il messaggio che emerge dall’ultimo numero del “Panorama economico di mezz’estate del Mezzogiorno” pubblicato da SRM, Centro Studi collegato al gruppo Intesa Sanpaolo, che fornisce una visione del Mezzogiorno diversa in cui la voglia di investire, la presenza di realtà innovative e le prospettive di crescita, evidenziano numeri inattesi e forniscono spunti di riflessione e di policy per la crescita del Paese.

Aumenta l’occupazione: a fine 2022 nel Mezzogiorno si contano 6.115 mila occupati, oltre un quarto dell’Italia, con una crescita in linea col dato nazionale (+2,5%, contro +2,4%). Si rafforza il tessuto imprenditoriale: nonostante un calo generale delle imprese, cresce il numero delle società di capitali con un +2,9% al I semestre 2023 rispetto al dato 2022 (+2,2% in Italia). Inoltre, sono attive oltre 160 mila imprese giovanili, quasi il 40% del dato nazionale, con un tasso di imprenditorialità giovanile più alto di quello medio nazionale (9,4% contro 8,1%). Cresce anche l’export: al I trim. dell’anno, si registra un +10% (in linea con il dato Italia). Al Sud si contano anche 15.656 imprese innovative (18,4% del Paese) con un accorciamento delle distanze rispetto alle altre aree: negli ultimi sei anni disponibili, sono cresciute del 51,5% a fronte del +25% a livello nazionale.

Le competenze presenti, unite alle connessioni fisiche e digitali che l’area mostra e alla competitività del suo sistema imprenditoriale, possono dar vita a un nuovo percorso di crescita per ridisegnare gli storici equilibri che vedono il Sud come l’area dei “gap”. Le forze endogene del territorio sono il punto di partenza: Mare, Energia, Turismo, Ambiente

I porti, la logistica e lo shipping sono gli elementi che muovono l’economia del mare e che possono favorire la competitività del Paese. Grandi sono le potenzialità logistiche del Sud: i porti meridionali servono il 46% del traffico merci del Paese pari a 226 milioni di tonnellate al 2022 (+1%; in Italia +1,9%). Al Sud sono, inoltre, presenti 8 ZES per le quali il PNRR ha previsto 630 milioni di investimenti; le prime stime (a marzo 2023) mostrano un dato pari a 240 domande di investimento e 55 autorizzazioni uniche rilasciate dai Commissari di Governo.

Dal punto di vista dell’energia il Mezzogiorno si conferma un’area strategica dal rilevante potenziale di generazione elettrica da fonti green. Nel Sud si produce, infatti, oltre il 39% del totale dei GWh generati da fonti rinnovabili in Italia.

Guardando al settore del turismo, il Mezzogiorno ha rappresentato nel 2022 circa il 20% dei flussi turistici nazionali con oltre 21,8 milioni di arrivi e quasi 80 milioni di presenze ed un recupero del 92% rispetto ai dati pre-pandemici. Particolarmente significativa è stata la crescita della componente straniera con un +130% (in Italia +104,8%).

Rilevante è anche l’aspetto ambientale: cresce la sensibilità per tutto ciò che impatta sull’ambiente e le regioni del Sud, pur se con alcuni ritardi, mostrano attenzione. Si contano, ad esempio, 176 Comuni Rifiuti Free (+11 Comuni nell’ultimo anno) con alcune regioni che duplicano (Sicilia) o triplicano (Sardegna) il loro impegno in tal senso.

Inoltre, su un campione di 700 imprese manifatturiere intervistate da SRM, nel Sud il 43% dichiara di aver effettuato investimenti nell’ultimo triennio (40% in Italia). Guardando al futuro, cresce la voglia di digitale (58% le imprese che vi investiranno; in Italia 52%) e c’è forte attenzione per l’innovazione sostenibile (57%; in Italia 51%) e per i rapporti con il mondo della ricerca (54%; in Italia 50%).

Il percorso futuro di crescita è quindi legato a doppio filo alla capacità di utilizzare le risorse disponibili per i prossimi anni (oltre 200 mld fino al 2030). Siamo a cavallo di due cicli di Programmazione con, da un lato, le risorse residue della passata Agenda da spendere nel giro di pochi mesi e, dall’altro, un nuovo settennio tutto da configurare in termini di azioni e interventi. Complementari devono essere le azioni del PNRR che rappresenta tanto una grande opportunità per le prospettive che delinea quanto una considerevole sfida per i tempi che impone. È essenziale, quindi, concentrarsi su quei settori trasversali che possono garantire una reale crescita del territorio, puntando all’efficienza della spesa e attuando le riforme previste: formazione, sostenibilità, innovazione, digitalizzazione ed economia sociale questi settori il Sud evidenzia importanti aree di miglioramento e sfidanti obiettivi di crescita.

Massimo Deandreis, Direttore Generale SRM, “Anche quest’anno, con il Panorama di mezz’estate, si vuole fare il punto sul quadro socioeconomico del Mezzogiorno partendo dalla convinzione che numerose sono le sue potenzialità e che sia possibile tracciare un percorso di crescita e convergenza che lo allinei stabilmente al resto dell’Italia. Le stime sul Pil sono positive e bisogna puntare sull’efficiente utilizzo delle risorse disponibili per accrescerle ulteriormente. Pur se con innegabili difficoltà, c’è un Sud che innova, produce e compete con gli altri mercati; bisogna partire da tutto questo per il suo rilancio”.

 

Stampa
Mezzogiorno: panorama economico di mezz’estate 2023

SRM prosegue nel monitoraggio della realtà socioeconomica meridionale, puntando a delineare, da un lato, la realtà dell’attuale contesto quale punto di partenza di un nuovo percorso di sviluppo (in cui spiccano i temi Mare, Energia, Turismo e Ambiente) e, dall’altro, i pilastri su cui fondarlo nella logica dei fattori di competizione internazionale, definiti nelle vision europee: Formazione, Sostenibilità, Innovazione e Digitalizzazione ed Economia Sociale. 

 

 

Gratis!
Scopri di più

© Copyright 2021-2024 SRM - Centro Studi e Ricerche - P.iva 04514401217

© Copyright 2021-2024 SRM services - P.Iva/C.F.: 09117291212 - Privacy policy

Powered by

Ti stiamo reindirizzando su