Loading the content... Loading depends on your connection speed!

Opzioni di ricerca

Cerca

Showing 1–10 of 253 results

Scenario e prospettive di ripresa della filiera turistica nel Mezzogiorno

Lo studio stima i flussi turistici nel 2021 in Italia ed in particolare nel Mezzogiorno, dopo la rilevante crisi pandemica che ha colpito in modo molto duro il settore nel 2020. I dati sono stati elaborati sulla base di tre possibili scenari post pandemici. In particolare, l’analisi effettuata individua le possibili traiettorie di ripresa della filiera turistica connesse alla riuscita delle strategie vaccinali, alla ripresa economica complessiva ed alle azioni di rilancio degli investimenti pubblici e privati nel settore della cultura, dell’accoglienza e delle infrastrutture di connessione. Nello studio sono peraltro presenti anche specifici approfondimenti su alcuni territori regionali: Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia, ed infine il Lazio con un’ottica specifica sulla città di Roma.

 

Gratis!
Condividi
Dettagli
Scenario e prospettive di ripresa della filiera turistica in Puglia

L’obiettivo del paper è analizzare la possibile ripresa della filiera turistica pugliese, delineando alcuni possibili scenari che potrebbero manifestarsi nel futuro prossimo. Lo studio inizia con una breve descrizione della filiera turistica nella fase pre-Covid (anno 2019), per poi analizzare l’impatto su di essa scatenato dalla crisi (anno 2020) e individuare, infine, per il futuro, scenari e prospettive di rilancio.

 

Gratis!
Scenario e prospettive di ripresa della filiera turistica a Roma e nel Lazio

L’obiettivo del paper è analizzare, per Roma e per il Lazio, la possibile ripresa della filiera turistica, delineando alcuni possibili scenari che potrebbero manifestarsi nel futuro prossimo. Lo studio inizia con una breve descrizione della filiera turistica nella fase pre-Covid (anno 2019), per poi analizzare l’impatto su di essa scatenato dalla crisi (anno 2020) e individuare, infine, per il futuro, scenari e prospettive di rilancio.

 

Gratis!
Scenario e prospettive di ripresa della filiera turistica in Campania

L’obiettivo del paper è di analizzare la possibile ripresa della filiera turistica campana, delineando alcuni possibili scenari che potrebbero manifestarsi nel futuro prossimo. Lo studio inizia con una breve descrizione della filiera turistica nella fase pre-Covid (anno 2019), per poi analizzare l’impatto su di essa scatenato dalla crisi (anno 2020) e individuare, infine, per il futuro, scenari e prospettive di rilancio.

Il paper comprende un focus sul ruolo e la rilevanza del turismo internazionale per la ripresa della filiera e sul caso della Penisola sorrentina e della Costiera amalfitana.

 

Gratis!
Scenario e prospettive di ripresa della filiera turistica in Sardegna

L’obiettivo del paper è di analizzare la possibile ripresa della filiera turistica sarda, delineando alcuni possibili scenari che potrebbero manifestarsi nel futuro prossimo. Lo studio inizia con una breve descrizione della filiera turistica nella fase pre-Covid (anno 2019), per poi analizzare l’impatto su di essa scatenato dalla crisi (anno 2020) e individuare, infine, per il futuro, scenari e prospettive di rilancio.

 

 

Gratis!
Rassegna Economica 1/2020

Il fenomeno estorsivo perpetrato dalle tre mafie “storiche “ (‘Ndrangheta, Cosa Nostra e Camorra) ai danni di imprese, commercianti e professionisti è stato il filo conduttore del convegno “Racket. Tre mafie a confronto” tenuto presso il Consiglio Regionale della Calabria il 18 ottobre 2019 con la guida scientifica di SRM. I numerosi interventi hanno consentito di inquadrare il fenomeno sotto diverse, seppur convergenti, lenti di osservazione, ovvero quelle delle istituzioni, rappresentate dal Prefetto di Reggio Calabria, dal Presidente del Consiglio Regionale della Calabria e dal Sindaco di Reggio Calabria, delle Forze dell’Ordine, rappresentate dal Questore di Reggio Calabria, della magistratura antimafia impegnata in prima linea, nelle persone dei Procuratori della Repubblica di Messina, Napoli e Reggio Calabria, degli avvocati, cui ha dato voce il Presidente dell’Ordine di Reggio Calabria, delle banche, nella persona del Vice Direttore Generale dell’ABI e del Commissario straordinario nominato dal Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura.
Tale convegno, avente finalità scientifica e di ricerca del fenomeno ma anche formativa, ha consentito di analizzare alcuni aspetti di particolare interesse del fenomeno del racket operato dalle mafie, non soltanto nei loro territori di tradizionale insediamento, ma anche in quelli di nuova conquista del Centro Nord del Paese.


Etichette: , , , , , , , , , , , , , .
Gratis!
Scenario e prospettive di ripresa della filiera turistica in Sicilia

L’obiettivo del paper è di analizzare la possibile ripresa della filiera turistica siciliana, delineando alcuni possibili scenari che potrebbero manifestarsi nel futuro prossimo. Lo studio inizia con una breve descrizione della filiera turistica nella fase pre-Covid (anno 2019), per poi analizzare l’impatto su di essa scatenato dalla crisi (anno 2020) e individuare, infine, per il futuro, scenari e prospettive di rilancio.

 

Gratis!
Bollettino Mezzogiorno 2 | 2020

Al terzo trimestre del 2020 nel Mezzogiorno sono attive 1 milione e 712mila imprese, il 33,2% delle imprese attive in tutta Italia. Rispetto al corrispondente valore del 2019, il dato è in lieve aumento (+0,7%); in particolare, mentre si riduce il numero delle imprese individuali (-0,2% a 1.125.585 unità) e delle società di persone (-2,1% a 174.950), crescono considerevolmente le società di capitali (+5,3% a 356.619 imprese). Una tendenza analoga si riscontra anche nel Centro-Nord e in Italia. Fatta eccezione per le costruzioni (+1,9%), il numero di imprese attive risulta in calo in tutti i principali settori, con commercio e agricoltura che registrano rispettivamente un -0,4% ed un -0,3%. Stabile il comparto delle attività manifatturiere.

La forza lavoro nel terzo trimestre del 2020 è stata composta da 7 milioni e 365mila individui (il 29% del totale nazionale), in calo dell’1,7% rispetto al terzo trimestre del 2019. Il numero di occupati è sceso a 6 milioni e 139mila persone (-2,2%), mentre il numero dei disoccupati è salito a 1 milione e 226mila unità (+0,7% contro +17,2% nel Centro-Nord e +8,6% in Italia). Il tasso di occupazione ha registrato un calo portandosi al 44,9%, mentre è aumentato il tasso di disoccupazione, al 16,6%; in crescita è anche il tasso di disoccupazione giovanile (da 48,4% del 2018 a 45,5% del 2019) e quello di disoccupazione femminile nel terzo trimestre 2020 (19,9%, da 18,4% del II trimestre 2019).

Nel corso dei primi nove mesi del 2020 il Mezzogiorno ha registrato esportazioni pari a 31,1 miliardi di euro, in calo del 15,6% rispetto all’analogo periodo del 2019. Con riferimento ai principali comparti manifatturieri, in termini di export, gli unici a far registrare andamenti in crescita sono l’alimentare (+7,2% con 4,5 miliardi di euro tra gennaio e settembre 2020) e il farmaceutico (+13,4%, 2,6 miliardi). Prodotti petroliferi (-39,7%) e tessile-abbigliamento (-31,3%) sono, invece, i settori con le performance peggiori.

 

Dossier UE 2|2020

La prima parte della pubblicazione è dedicata al tema della svolta verde dell’Ue e si guarda, in particolare, alla nuova riforma della Pac. Si guarda, poi, alla riprogrammazione dei fondi Ue per fronteggiare la pandemia e alle procedure d’infrazione aperte dall’Ue a carico di singoli Stati per non aver rispettato appieno il diritto comunitario. Guardando alle imprese, infine, l’attenzione si è concentrata sul tema del passaggio generazionale.

La seconda parte della pubblicazione è poi dedicata al tema delle infrastrutture. Si parte da un’intervista alla General Manager della turca Yilport che ha vinto la gara di assegnazione nel porto di Taranto del Molo Polisettoriale, e si prosegue con un quadro dei nuovi scenari dello shipping in una logica internazionale e del sistema energetico globale.

La terza ed ultima parte del Dossier è dedicata ad uno speciale sul settore turistico e culturale.

Gratis!
Check-up Mezzogiorno – Dicembre 2020

L’Indice Sintetico dell’Economia Meridionale continua a scendere e registra, nel 2020, secondo le stime preliminari, un calo di oltre 40 punti rispetto all’anno precedente, il più basso registrato a partire dal 2007. Gli effetti recessivi della pandemia sul PIL nel 2020 si prevede che siano appena meno pronunciati nel Sud (-9%) rispetto al Centro-Nord (-9,8%), ma comunque consistenti; per il 2021 e 2022 la ripresa del Mezzogiorno si prospetta invece sensibilmente più debole (rispettivamente +1,2% e +1,4%) rispetto al Centro-Nord (+4,5% e +5,3%). Alcune variabili evidenziano però anche una capacità di “resilienza” dell’economia meridionale, sulla quale puntare la ripresa, accelerando l’impiego delle risorse UE già disponibili e di quelle programmate già dall’anno prossimo.

Il quadro che emerge in questa edizione del Check-Up Mezzogiorno sulla congiuntura 2020 è quindi quello di un Sud che ha cercato di resistere all’impatto socioeconomico della pandemia e di sfruttare tutte le opportunità offerte da numerosi strumenti di sostegno e limitate misure di rilancio adottati nel corso dell’anno, in attesa della definitiva approvazione della Legge di Bilancio e del PNRR: un Sud che resiste in attesa di una nuova e più efficace politica per la ripresa.

Gratis!

SOCI FONDATORI E ORDINARI

Mobile version: Enabled